• Ottobre 16, 2021 1:52 pm

Il blog di SìAMO

La libertà non è un' opinione

Cassandra 2021

DiEmiliano Gioia

Gen 10, 2021

Era il 23 aprile 2020 quando dalle nostre pagine scrivevamo:
DOBBIAMO PRENDERE COSCIENZA!

“Il covid-19 è stato strumentalizzato inizialmente per aggredire l’economia cinese.
La Cina ha saputo rispondere, certa delle proprie capacità militari interne ed esterne, consapevole che il virus avrebbe superato i suoi confini per poi diffondersi nel mondo.
Pertanto i danni subiti dalla sua economia, causa covid-19, poi sarebbero arrivati anche ad altre nazioni.
Ogni stato raggiunto ha strumentalizzato a sua volta il virus, pilotato come avviene dal 1946 dagli states, per i propri scopi economici o geopolitici.
La nostra economia era in default prima del covid-19, serviva il colpo di grazia per piegare i cittadini e per mettere le mani sul risparmio privato (4000 miliardi di euro nel 2019), per fare questo non bastava la “crisi”, era indispensabile una quarantena prolungata abbastanza da fare collassare l’intera filiera produttiva e tutti i settori legati all’artigianato, al turismo, alla ristorazione, etc.
Vogliono il controllo totale sull’economia reale perché la nostra posizione geografica è indispensabile per i loro giochi geopolitici.
Siamo un immensa portaerei nel Mediterraneo!
La realtà che vediamo, ascoltiamo e leggiamo, non è altro che la COSTRUZIONE narrativa di chi da questa trae vantaggi economici e potere.
W l’Italia, viva gli italiani, viva la libertà.”

Oggi 10 gennaio 2021 tutto quello che avevamo preannunciato si sta avverando: Il PIL mondiale ha subito una contrazione media del 5%; quello italiano del 13%. Quello cinese, dopo aver subito una contrazione enorme nel primo trimestre del 2020, ha aperto il 2021 con un +4,9%.

Il risparmio privato, uno degli obiettivi della grande manovra geopolitica che nel 2019 si attestava attorno ai 4.000 miliardi di euro nel nostro paese, a causa delle restrizioni e dell’impossibilità di lavorare, ha subito una “sforbiciata” degna del taglio alla Mohicani che subivamo da bambini quando le epidemie erano di pidocchi!

L’economia reale, quella fatta di piccoli imprenditori, di famiglie, di artigiani ed in moltissimi casi di operai, è in totale svendita.
Bar, ristoranti, alberghi, discoteche, palestre, negozi, tutte attività che passando in mano straniera e l’economia finanziaria, che viene garantita proprio da quella capacità produttiva, sta perdendo ogni consistenza e si sta disintegrando completamente.

Per questo, nel nostro paese, stanno lavorando all’ingegneria sociale:
Non è più possibile tagliare; la parola d’ordine è rimodulare.
La scuola in primo luogo; la salute; il diritto; tutto deve essere trasformato per non “chiudere” il supermercato Italia. Tutto questo in barba alla costituzione ed ai diritti degli italiani, già da tempo dati in appalto a dei privati.

Salvare il paese da queste strategie assurde, che niente hanno a che vedere con la salute pubblica, è dovere di ogni cittadino italiano. Perché essere parte di una nazione non significa solo stare dentro un contenitore sociale, ma essere una cellula all’interno di un organismo la cui sopravvivenza dipende dal nostro buon funzionamento.