Cosa penso della questione Segre?!
Penso che una signora che ha vissuto l’odio sulla propria pelle sappia cosa sia davvero lodio e che gli esseri che vanno contro di lei, che commentano con frasi sgrammaticate sono gli ignobili frutti di un’epoca oscura, abbrutiti da una comunicazione mediatica ridotta in frasi di circostanza e di concetti tendenziosi malespressi e formulati peggio. Concetti che fanno breccia sugli idioti, sugli imbecilli ma che alle persone minimamente razionali servono a sorridere amaramente.
Una signora che ha vissuto l’odio e che, giustamente, denuncia il pericolo che certe dinamiche possono arrivare a creare, o ricreare perché nel vecchio continente abbiamo già dato. Ma la commissione sull’odio no, questa no, è inaccettabile e dovrebbe esserlo soprattutto per chi vicino alla Segre conosce perfettamente certe dinamiche.
La commissione sull’odio non serve a prendere provvedimenti contro la violenza, quella vera, quella pericolosa, quella che porta alla formazione di organizzazioni contro qualcuno. Una commissione sull’odio porta a dare peso alle frasi di ogni imbecille, incapace di esprimere un concetto articolato composto da tre parole consecutive e ad esacerbare i contrasti sociali, ponendoci gli uni contro gli altri, disgregandoci. Può sembrare paradossale ma è così! Fate un esperimento: Entrate in una stanza dove ci sono persone che discutono tra loro, anche pacatamente, e cominciate a evidenziare gli sguardi di uno, il tono dell’altro, le frasi di alcuni, dopo dieci minuti voleranno le sedie.
È l’ennesimo, violento, esperimento sociologico!
Ovviamente non ha nessuna responsabilità la signora Segre, lei ha tutte le ragioni per denunciare il pericolo e gli attacchi che subisce e noi abbiamo tutti il dovere di imparare da una donna che ha vissuto certe esperienze, la responsabilità è delle think tank che collaborano con i governi, con gli strateghi sociali, con i gestori occulti delle nostre esistenze e a questi dovremmo ribellarci.
Purtroppo siamo troppo occupati a sperimentare nuovi ciechi orizzonti egoici, quelli che ci fanno dire: Che bel concetto ho espresso, guardate quanti like!
Io odio le commissioni sull’odio. Adesso fate una commissione su quelli che odiano le commissioni sull’odio!